PNSD Scuola Secondaria di I Grado

Scuola digitale per l’anno scolastico 2021-2022

Questo decreto prevede un investimento di oltre 66 milioni di euro, a cui sono da aggiungere quest’anno altri 35 milioni destinati alla formazione dei docenti e del personale scolastico pure negli ambiti del digitale, per un totale di circa 101 milioni di euro.

Scadenza del bando ore 15:00 del 15 giugno 2021

La prima misura prevede un investimento complessivo di 51,7 milioni di euro per la realizzazione di spazi laboratoriali e l’acquisto di strumenti digitali per l’insegnamento delle STEM (come noto, l’acronimo descrive l’approccio multidisciplinare e interdisciplinare alle Scienze, Tecnologie, Ingegneria, Matematica). L’avviso per la presentazione delle candidature da parte delle istituzioni scolastiche statali sarà pubblicato il 13 maggio 2021.

La misura sopra indicata prevede la progettazione di ambienti dedicati, oppure di dotare gli spazi interni delle aule con tecnologie specifiche per le STEM. Ad esempio, potranno essere acquisiti strumenti digitali per l’insegnamento dei principi fondamentali della programmazione, del coding, dell’intelligenza artificiale; per l’osservazione, lo studio e la ricerca nelle scienze; per la didattica laboratoriale della matematica; per la progettazione e creazione secondo le tecniche del making.

Per la scuola dell’infanzia e primaria, sempre a titolo d’esempio – riferendosi all’approccio metodologico riassunto nelle 4P1 : Project (progetto), Peers (compagni), Passion (passione), Play (gioco) – potranno essere acquisite dotazioni di setting (materiali eterogenei e strumentazioni) per lo sviluppo di attività di computational tinkering2 , espressione che richiama l’armeggiare, il provare “questo e quello” alla ricerca della soluzione di un problema pratico, effettivo. Ancora, potranno essere acquisiti materiali e strumenti per realizzare l’approccio c.d. “trialogico”3 che, tramite tecniche tipiche dell’apprendimento collaborativo, realizza attività di costruzione di oggetti destinati ad un uso concreto4 . Ulteriori spunti di approfondimento sono rinvenibili nel Rapporto Finale del Comitato di esperti istituito con D.M. 21 aprile 2020, n. 203 – Scuola ed Emergenza Covid-19.

Nella sostanza, l’utilizzo efficace delle risorse finanziarie comporta l’esercizio dell’autonomia di ricerca delle istituzioni scolastiche. Richiede altresì di definire preventivamente “il cosa e il come” sia bene sviluppare, in relazione al contesto di apprendimento e alla necessità di renderlo motivante. Senza motivazione gli studenti non sviluppano competenze ma archiviano informazioni e contenuti esclusivamente in vista del mero superamento delle prove scolastiche. Informazioni e contenuti peraltro spesso destinati ad essere dimenticati nel breve. Al contrario, l’approccio partecipato all’apprendimento scientifico e tecnologico è parte essenziale del Piano nazionale scuola digitale, così come dovrebbe esserlo per tutte le discipline.

Qui troverai un esempio di File matrice: compilalo e contattaci, a tutto il resto ci pensiamo noi!

Consulta il catalogo dei prodotti disponibili

torna all'inizio del contenuto